Super Top.it 2010: Spinga signora spinga

Undici nuovi nomi, le più belle scoperte del 2010.
19/12/2010

(Illustrazione di Cristina Amodeo)

11 nuovi nomi, le più belle scoperte del 2010: abbiamo festeggiato, brindato, applaudito in loro onore. Speriamo diventino grandi in fretta.



CRIMINAL JOKERS

Brutti, son brutti. Ma tanto mica si fa sesso con la musica, figuriamoci, sareste tutti gay e pieni di brufoli. I Criminal Jokers fanno punk toscano di scuola Zen Circus. E non so perché, ma potrebbero benissimo piacere ai fans dei Placebo. In questo momento dovrebbero essere in giro come backing band dei Pan Del Diavolo. Dal vivo è tutta una questione di standing drummer e strafottenza. E attenzione che un giorno potrebbero cantare in italiano. Per l'anno nuovo è importante sapere che questi dovevano essere il futuro. // Michele 'Wad' Caporosso

 

DISTANTI

Ok, forse c'è già fin troppo hype su di loro. In realtà non si sono inventati niente, hanno semplicemente riscoperto l'urgenza del punk alla Altro e fatto uno sforzo per rimanere onesti in quello che dicono. E non è poco, sia chiaro. In più quando urlano, urlano un qualcosa di definito anche se non ha veri contorni. E' il ritorno allo scrivere di getto storie di adolescenza, amore, approcci politici e visioni del mondo. E' il voler ritornare in trincea armati solo di immagini quotidiane, spavalderia, e voglia di scopare. Genuinamente epici. // Sandro Giorello

 

EMIS KILLA

Il nuovo iniorance boy, Emis Killa è l'immagine di una periferia milanese tamarra, cresciuta a polenta, booster ed MSN. Questo è il rap di chi si alza coi pensieri brutti e gli occhi distrutti. Mentalità isterica, clichè techno, si aumenta coi grammi e il contrario coi chili, spingere assolutamente Emis Killa: "gli amici fottuti che mi hanno fottuto, tutte le pare riguardo al futuro, tutte le gare che ho vinto e tu no, "non ti drogare!", "fai sesso sicuro!", a tutto questo dico vaffanculo". Assolutamente: nuova scuola, leader // Michele 'Wad' Caporosso

VINCENZO FASANO

Scommettiamo che Vincenzo Fasano è figlio illegittimo di una sveltina tra Loredana Bertè e un Massimo Ranieri qualsiasi negli anni 70? Questo cantautore disperato, struggente e d'epoca lo abbiamo spinto da subito. Senza pensarci troppo. Perché? Perché è vero che c'è chi per amore non si è ucciso. Ha solo un Ep ("La sindrome di Stoccolma"), il 2011 è/potrebbe/sarà il suo anno, e metti pure che non si accorga nessun altro di lui, poca roba: non ritiro quel che ho detto. // Michele 'Wad' Caporosso

 

IL BUIO

La scoperta con la S maiuscola di questo 2010. "Jantelagen" è al numero 4 delle 100 migliori canzoni italiane dell'anno. Hanno tutto: la potenza (sia dal vivo, che su disco), testi taglienti con un raffinato uso delle parole, urlano in italiano però non si nascondono dietro i soliti isterismi da pogo violento. Se - come dicono - non gli interessa la Scena, le regole tipo loggia massonica, e tutto quello a cui ci si sente obbligati in Italia quando si fa post-hardcore, hanno vinto. Si, hanno vinto loro. // Sandro Giorello

 

LAZY ANTS

Il fashion ha fottuto la scena fidget milanesotta (ma va?) e vincerà la nu-disco e la gay-house. Ma questo potrebbe non c'entrare con Lazy Ants, benvestito producer della nuova scuderia Mac Mac. Già spalleggiava con NT89 un annetto fa, ora se la remixa alla grande e se la suona in modalità ready-to-rock. E' Diplo che me ne ha parlato e in questi anni l'uomo Mad Decent può fare quel cazzo che vuole, io gli credo // Michele 'Wad' Caporosso

 

LEGGINS

Qui ve li raccomanda Steve Aoki, the head of Dim Mak, che figuriamoci è un grande stage diver ma anche ideologo dello stupro marketing electro-punk, questo va detto. In ogni caso li produce lui i Leggins, così dicono. Questo trio di jeans stretti è al limite tra new generation e clima di tensione modaiolo, instant hype e buona band da brandizzare. Che poi se non gli succede niente di buono all'anno nuovo, allora tutto si complica. Ma a un gruppo veneto può bastare un buon proverbio trentino: se un giovane prende qualche vizio, finché muore se lo thiene. // Michele 'Wad' Caporosso

 

NEW CANDYS

Psichedelia sixties, pezzi lunghi, molto pop, così come lo erano i Velvet Underground. Era da tantissimo tempo che un gruppo non si prendeva il Primascelta con solo un demo di cinque pezzi. E con loro saremmo stati sordi a non darglielo. Poco più che vent'anni. Idee chiare. Grande classe e padronanza del palco durante i concerti. Ci sono tutte le qualità per presagire che presto qualcuno si accorgerà davvero di loro, e allora via all'estero che all'Italia chi ci pensa più. // Sandro Giorello

 

THE PERRIS

I due Fratelli Perri più Simona Borrillo. Sembrerebbe uno di quei gruppi già strani ed enigmatici in partenza, alla Blonde Redhead per intenderci. Invece no, sono semplicissimi: due fratelli e un'amica che provano a suonare con quello che hanno in casa, un computer e qualche distorsore. Esce un miscuglio di indierock e wave più scura. Canzoni taglienti che ti si conficcano in testa anche solo per una frase. Anima indecifrabile, mente lucida, corpo anoressico di tutto il rock che fu. Un fulmine a ciel sereno. // Sandro Giorello

 

YOUNG WRISTS

Non è solo un gruppo che fa bene cose che negli ultimi 10 mesi vanno per la maggiore tra America e Inghilterra (il pop anni 80 + le chitarre jingle Jangle + le voci immerse nel riverbero). E non è solo immaginario adolescenziale (del tipo: moriremo giovani e belli). Qui ci sono due personaggi che hanno già dimostrato di avere spiccate doti naturali con i propri progetti personali (Alberto suona nei General Decay, bravissimi; Letiza da sola di fa chiamare Marie Antoinette, mistica). Ora hanno fatto un gruppo insieme, l'effetto è da bomba atomica. // Sandro Giorello

 

VERLAINE

Non andrebbero nemmeno messi tra i gruppi che devono ancora crescere, su Rockit le prime tracce sono del 2002. Ma il loro ultimo disco è fulminante, di quelli che fanno piazza pulita e cancellano le tacche sul muro che i genitori usano per misurare l'altezza dei figli. E forse è stato il tempo a regalare ai Verlaine questo bagaglio di poesia, questa calma nel descrivere drammi da due soldi (vere tragedie, in realtà), queste frasi con radici epiche ma lasciate timidamente a mezz'aria. Tante parole, tanto cinema, tante donne, tanto bere. Un magnifico talento nello scrivere canzoni. // Sandro Giorello

 

Torna alla prima pagina



Su chi avevamo spinto l'anno scorso: Spinga Signora Spinga 2009

---
L'articolo Super Top.it 2010: Spinga signora spinga è apparso su Rockit.it il 19/12/2010

Tag: top 2010 - cbcr

Commenti
    Aggiungi un commento:

    ACCEDI CON:
    facebook - oppure - fai login - oppure - registrati
    Leggi anche
    Pannello

    TOP IT

    La top it è la classifica che mostra le band più seguite negli ultimi 30 giorni su Rockit.

    vedi tutti

    ULTIMI ALBUM

    Gli ultimi album con ascolti caricati dagli utenti.

    vedi tutti
    Cerca tra gli utenti, le schede band, le location e gli operatori musicali italiani
    捕鱼游戏平台